17/12/2016. Ragusa. IL GINOCCHIO: Le lesioni capsulo-ligamentose e degenerative. Aspetti clinici, chirurgici e riabilitativi secondo la tecnica dell’Approccio Variabile. [Concluso]

L’ATC® è frutto di una più che trentennale esperienza di lavoro e di studio da parte del docente in ambito riabilitativo e prende l’avvio dalla considerazione che la funzione e la “disfunzione” sono sempre il risultato  dell’interazione tra vari sistemi che devono essere tenuti in considerazione contemporaneamente nel trattamento riabilitativo. Tra le caratteristiche peculiari dell’ATC® troviamo: la valutazione, l’elaborazione di un piano terapeutico e il trattamento basati sul concetto di “Struttura-Funzione”; un’estrema attenzione alle tecniche manuali, alle guide ed alla scelta delle proposte terapeutiche in generale; l’idea che accanto al sapere scientifico, bisogna essere capaci di approcciarsi con metodo ipotetico-deduttivo.

LATC® ritiene, infatti, che l’intuito, sia elemento strutturale indispensabile nel ragionamento clinico tanto quanto lo sia il sapere scientifico e considera il paziente nel suo insieme, senza  distinguerlo in paziente “ortopedico” e “neurologico”, e sottolinea la necessità di non  tralasciare l’inevitabile e importante interrelazione tra diverse componenti, come: limitazioni e alterazioni delle strutture articolari, sistema nervoso centrale, alterata neuro-dinamica, disallineamenti biomeccanici, modificazioni a carico del muscolo, dolore, alterazioni delle capacità di apprendimento e di controllo motorio ed altri fattori, che intervengono nel determinare una  ridotta o alterata possibilità di movimento. Tutto ciò ha portato, nel tempo, all’elaborazione di  aspetto innovativo proprio dell’ATC® che è la tecnica dell‘Approccio Variabile.

Scarica la Brochure

Leave a reply